ORDINI TELEFONICI +39 377 2462129 - SPESE DI SPEDIZIONE GRATUITE SOPRA € 130,00 (SOLO ITALIA)

0 prod.€ 0,00

Friulano 2016 - Schiopetto

Panoramica veloce

Verdolino con brillanti riflessi dorati. All’olfatto presenta un deciso timbro floreale composto da un mix di camomilla, ginestra e rosa bianca, seguiti da sensazioni di cedro, bergamotto e intensi richiami di erbe aromatiche. In bocca è pieno, avvolgente, di decisa morbidezza, ben sorretta da una piacevole verve fresca. Finale agrumato.

Disponibilità: Disponibile

€ 17,80
OPPURE

Ulteriori informazioni

Voto Bibenda XXXXX
Voto Gambero Rosso XXX
Voto Veronelli 88
Altri Riconoscimenti sv
Denominazione Collio DOC
Regione Friuli Venezia Giulia
Cantina Schiopetto
Vitigno 100% Friulano
Gradazione 14% Vol
Azienda - Vinificazione Mario Schiopetto nasce nel 1930, per anni segue e aiuta il padre che si occupa della selezione dei vini per l’osteria, fino a prenderla personalmente in gestione alla scomparsa dei genitori. Nel 1963 Mario, guidato solo dal suo gusto e dall’amore per il vino comincia a dedicarsi alla produzione e nel 1965 produce il primo “Tocai” in purezza. Comincia così l’era del bianco friulano moderno che trasforma anche la concezione del vino bianco italiano. Mario diventa presto parte di un gruppo di produttori che, fra la fine degli anni ‘60 e gli anni ‘70, lavorano per migliorare e modernizzare i metodi di produzione del vino in Italia. Mario aveva sempre viaggiato nella sua vita, anche prima di cominciare a lavorare nel mondo del vino, quand’era camionista. Come suo padre girava l’Europa alla ricerca di nuovi insegnamenti, per migliorare e migliorarsi. Collabora a lungo con Muller Spath, all’epoca direttore di una grande azienda di macchine per la vinificazione e di una cantina sperimentale a Bad Kreuznach. In Germania Mario compra i pali di pino per le vigne e scopre l’utilizzo della tecnologia nel processo di vinificazione, in Francia compra le barbatelle e raccoglie spunti, idee, suggerimenti per rendere sempre più eleganti i suoi vini. Mario è un innovatore, desideroso di sperimentare e di migliorare se stesso, il suo vino e la sua azienda. Suo il merito della nascita del primo “Tocai” e della creazione del vino bianco friulano moderno ma anche quello dell’introduzione di nuove tecnologie e di innovazioni rivoluzionarie quanto fondamentali in vigneto e in cantina, entrate oggi a far parte delle regole irrinunciabili per la produzione di un vino di alta qualità. Così nasce lo Stile Schiopetto: Eleganza Francese, Tecnologia Tedesca, Uva Friulana. Da aprile 2014 la proprietà dell’Azienda è della famiglia Rotolo ed Emilio con i figli Francesco e Alessandro in una mera ottica di continuità portano avanti intatta la missione e la filosofia produttiva creata da Mario. Per creare i suoi vini Mario Schiopetto non ha inventato nulla, ha solo cercato di capire la terra, il clima, il carattere delle sue colline, osservando attentamente e cercando di entrare in armonia con la natura. Questo spirito è ancora oggi il fulcro dell’azienda, impegnata nel suo progetto di sostenibilità totale che va dall’impianto e mantenimento di boschi per la captazione dell’anidride carbonica controbilanciando con saldo positivo l’inevitabile emissione di CO2, passando dall’attento uso di prodotti a basso impatto e finendo con delle caldaie ad alta tecnologia che danno l’autonomia del riscaldamento necessario attraverso il riutilizzo dei materiali legnosi e di scarto delle vigne. Convinto del carattere unico dei suoi vini Mario decide che questi dovranno essere imbottigliati in una bottiglia diversa da qualunque altra: nasce così la “Renana Schiopetto”. Nel 1990, dopo aver finalmente ottenuto la proprietà dei terreni e della cantina del Palazzo Arcivescovile, Mario comincia i lavori per la nuova cantina che disegna egli stesso. Una cantina moderna a dimensione umana, pensata per essere efficiente e tecnologicamente avanzata, al fine di consentire la miglior resa delle uve dopo le cure in vigneto. La struttura nasce al centro dei vigneti ed è tra le pochissime al mondo ad essere totalmente circondata dalle proprie vigne. Nel cuore della cantina si trova la “Stanza di Mario”, una sala unica in Italia in cui si lavora alla riproduzione e moltiplicazione dei lieviti autoctoni per la fermentazione attraverso le tecnologie più avanzate. All’interno della sala dei lieviti, elemento fondante della filosofia aziendale e del processo produttivo, si procede alla moltiplicazione, per tipologia di vino, dei lieviti autoctoni per far partire il processo di fermentazione. Vino tradizionale dalla forte tipicità e personalità, ottenuto esclusivamente da uve di Friulano, storico vitigno del Collio Goriziano messo a dimora in zona collinare ventilata e in terreni di origine eocenica prevalentemente marnosi. La raccolta di queste uve è manuale, la pressatura soffice a cui segue un breve periodo di decantazione in totale assenza di anidride solforosa. L’avvio della fermentazione avviene in vasche di inox con innesto di pied de cuve a temperatura controllata. TERRENI: Marne collinari di origine eocenica - SISTEMA DI ALLEVAMENTO: Guyot e doppio capovolto - EPOCA VENDEMMIALE: ultima decade di agosto e prima di settembre - RACCOLTA: Manuale - RESA x ETTARO: 55 q/he - FERMENTAZIONE 10-12 giorni in vasche di acciaio a temperatura controllata di 16°C
Affinamento 8 mesi in vasche di acciaio sur lie, minimo 5 mesi in bottiglia
Annata 2016
Invecchiamento Potenziale 6 - 8 anni
Formato 75 Cl
Temperatura di Servizio 12°- 13°C
Calice Calice Bianco Maturo Calice Bianco Maturo
Consigli Preferiti Maioli
Abbinamento Gastronomico Aperitivo, Prosciutto San Daniele, cucina asiatica, pesce alla griglia o al cartoccio, piatti a base di uova ed asparagi, carni bianche, pollame nobile
Abbinamento Gourmand Pollo rustico alla citronella e sale di Ibiza

riconoscimenti precedenti

Bibenda Annata 2015 XXXXX
Gambero Rosso Annata 2015 XXX
Altro Annata 2015 James Suckling 95 / 100
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori informazioni
x